Dura protesta del MRD a Trenitalia Stampa l'articolo
Scritto da Administrator   
Mercoledì 12 Maggio 2010 22:14
Il 15 aprile u.s., una delegazione del nostro movimento ha protestato in modo deciso davanti ai cancelli di Trenitalia a Roma per sollecitare gli impegni assunti dal gruppo Trenitalia nell'incontro del 21 ottobre scorso.

La protesta ha avuto successo.
I dirigenti di Trenitalia sono venuti incontro alla delegazione invitando a una immediata riunione.
L'incontro è durato a lungo e l'azienda ha capito che con il nostro movimento non può continuare a limitarsi ad impegni verbali.
Sono state fissate delle scadenze per il rispetto di quanto concordato.
Si riporta di seguito succintamente resoconto della riunione.

Incontro del 15 aprile 2010.
Riassumiamo i punti salienti dell’incontro tenutosi il 15 aprile 2010 tra rappresentanti del Movimento di Rinnovamento Democratico, Trenitalia e FS Spa.
Vengono rinnovate, dal MRD, le richieste avanzate nel corso del precedente incontro tenutosi il 21 ottobre scorso, particolarmente riguardo ai seguenti temi:
1. Ausilio del personale di bordo nella fase di discesa dal treno.
2. Miglioramento delle informazioni a bordo tramite annunci sonori che indichino il lato di apertura delle porte.
3. Ubicazione posti in prossimità della postazione del Capo Treno.
4. Apposizione di targhette in linguaggio Braille indicanti i servizi sulle porte dei WC e all’interno in prossimità dei sanitari.

Risposte Trenitalia.
1.. Il MRD è stato informato degli interventi previsti da Trenitalia per una maggiore sensibilizzazione del personale di bordo sul tema legato all’assistenza alle persone disabili. È stato, a tal fine, predisposto un intervento formativo specifico all’interno del Piano della Formazione 2010 che sarà erogato in maniera graduale a tutto il personale di bordo, nel corso del quale vengono specificate le attività da svolgere, in attinenza a quanto stabilito dal Regolamento Europeo.
Per quanto riguarda l’Assistenza durante la salita e la discesa dal treno, per garantire i viaggiatori che non hanno la certezza che l’addetto sia arrivato e che il Capotreno faccia ripartire il treno senza che lui sia sceso, l’attuale procedura prevede che l’addetto all’assistenza prelevi il viaggiatore direttamente a bordo e non a terra.
Per ovviare a questo problema, Trenitalia si impegna a sollecitare i responsabili della gestione del personale di bordo a reiterare l’indicazione di rispettare la procedura vigente che prevede che il Capotreno attenda, a bordo, insieme al non vedente l’arrivo dell’addetto all’assistenza o lo accompagni fino alla porta.
Trenitalia invita MRD a segnalare sempre i comportamenti anomali degli addetti che aspettano il disabile sul marciapiede, per attivare le dovute verifiche e apportare i necessari interventi per l’eliminazione della non conformità.
2.. Con un più attento rispetto della procedura vigente (punto 1) risulta superfluo implementare i sistemi di informazione automatica a bordo sul lato di discesa, cosa tra l’altro di difficile realizzazione, in quanto il lato di apertura delle porte sarebbe comunicato direttamente dal personale di bordo.
3.. Per l’implementazione del sistema di prenotazione dei posti dedicati, prevedendo la loro ubicazione in prossimità delle porte d’uscita e, possibilmente dei servizi igienici, Trenitalia si impegna ad acquisire informazioni dettagliate presso la struttura Monitoraggio Sistemi per la definizione della fattibilità del progetto e dei relativi tempi di attuazione.
4.. Le informazioni in linguaggio Braille sono già presenti sui treni di nuova generazione e verranno applicate gradualmente su tutti i nuovi treni ed in caso di revamping dei vecchi materiali

Occorre precisare che tutti gli impegni presi e suindicati, riguardano esclusivamente i treni della Divisione Passeggeri N/I (IC, ESCity, ES* Fast, AV, ES*).

Per quanto riguarda i treni del Trasporto Regionale saranno interessati i responsabili della DPR alla risoluzione delle problematiche.