Home

Risorse

Chi è online

 29 visitatori online
Amnesty International 
IO PRETENDO DIGNITÀ
Benvenuto nel sito Movimento Rinnovamento Democratico
Disabili: incontro sui problemi del welfare Stampa l'articolo
Scritto da Tiziana   
Sabato 17 Dicembre 2011 20:07
Leggi l'invito da qui

Salve.
Come annunciato dal coordinatore, ieri pomeriggio a Mantova il nostro movimento ha tenuto un incontro sui problemi del welfare per quanto riguarda gli effetti delle manovre degli ultimi due governi sui servizi sociali e le agevolazioni fiscali ormai a rischio per milioni di disabili e loro famiglie.

All'incontro sono intervenuti, fra gli altri, l'assessore provinciale alle politiche sociali e rappresentanti del movimento 5 stelle.
Il coordinatore ha svolto un'ampia relazione illustrando punto per punto le misure del decreto Monti e di Tremonti sul contenimento della spesa che imporrà a tutti noi la partecipazione ai costi per ottenere prestazioni e servizi dallo Stato e dai Comuni.

Il nostro incontro non è stato l'ennesimo ritrovarsi fra disabili e addetti ai lavori, ma ha avuto un aspetto di originalità, in quanto abbiamo voluto convocare tutti coloro che dai tagli sul welfare dei disabili corrono il rischio concreto di perdere il posto di lavoro, i cittadini perchè tutti possono avere in famiglia persone anziane e disabili non autosufficienti.

La nostra impostazione è stata commentata molto favorevolmente dall'assessore presente che ci ha preannunciato la costituzione di un tavolo sui problemi del welfare dei disabili al quale parteciperanno non solo le solite associazioni, che pretendono di essere le uniche ad averne diritto, ma anche movimenti e altre organizzazioni che si interessano di disabilità.

Sono state gettate le basi per una collaborazione più ampia con altri settori della società e con altri movimenti, in particolare con il movimento 5 stelle così come è già accaduto ad Arezzo.

Ovvio che il nostro movimento non privilegia la collaborazione con una organizzazione a danno di un'altra. Noi accettiamo la solidarietà attiva e la collaborazione di associazioni, movimenti e organizzazioni che mostrano di essere sensibili e di condividere lenostre istanze e i diritti civili.
Unica condizione per noi è che si tratti di soggetti democratici.

Il coordinatore ha già pensato ad un'altra iniziativa che scaturisce da quella appena svolta.

L'augurio dei movimentisti mantovani è che anche gli amici presenti in altre località italiane facciano una iniziativa analoga perchè è davvero diversa dalle solite dato che contiene davvero aspetti innovativi che coinvolge tutta la cittadinanza.

Colgo l'occasione per augurarvi un sereno anno nuovo, anche se noi movimentisti, come diceva in una mail il coordinatore, siamo pienamente consapevoli che il 2012 sarà un anno amaro per i nostri diritti e per i nostri bisogni che verranno mortificati e calpestati.
Infatti nel prossimo anno scattano tutte le nefaste misure contro di noi e di chi fra noi è meno fortunato e più debole.

Saluti.
Tiziana.

 
Iniziativa contro la inciviltà degli automobilisti, ciclisti, scooteristi Stampa l'articolo
Scritto da Administrator   
Giovedì 20 Ottobre 2011 16:30
Istruzioni per l'uso

Scarica il volantino da qui

Stampa in formato A4 (in ogni foglio ci sono 2 volantini)

Piega il foglio a metà e taglia con le forbici



 
Lettera all'On. Amalia Schirru Stampa l'articolo
Scritto da Michele Lastilla   
Lunedì 10 Ottobre 2011 10:50
Carissima onorevole Amalia,
come sai attorno ai disabili dal maggio 2010,è stata scatenata una campagna ignobile, incivile, disumana. L'ha inaugurata il ministro Tremonti che ci ha definite persone inutili, improduttive e causa della crisi economica del Paese.
Da quella data è iniziato un vero e proprio tirassegno al disabile da parte di parlamentari della Lega,  del PDL e di giornali e periodici di regime. Cito un solo esempio per tutti: la copertina di Panorama che accostava il disabile a Pinocchio, principe della menzogna. Questa campagna ha alimentato nella opinione pubblica la convinzione che la maggioranza degli invalidi è composta da cialtroni, falsi ciechi, falsi paraplegici...
Preceduta da questo squillar di trombe e rullar di tamburi si è aperta la caccia al falso invalido per cui il governo, tramite l'INPS, ha dispiegato un vero e proprio esercito di medici e mezzi senza badare a spese.
Qualche giorno fa il ministro Sacconi, evidentemente molto disattento, ha commesso una grave gaffe nel citare i dati reali che quella campagna ha prodotto che sono davvero irrisori coprendo di ridicolo: Tremonti, l'Ips e il leghista Reguzzoni, che sicuro evidentemente di ricevere notizie che lo rendessero famoso, ha commesso un vero e proprio autogol quando, tramite una interrogazione, ha chiesto al ministro di rivelare i dati della caccia ai falsi invalidi. Reguzzoni ha chiesto quanti truffatori, quanti cialtroni, quanti delinquenti abbiamo scoperto e sicuramente tutti o quasi al Sud?
E' giusto signor ministro che, come ho già immaginato, una pensione su 4 è risultata falsa?
Tutti i mali non vengono per nuocere e così grazie ai 3 moschettieri: Tremonti, Reguzzoni e Mastrapasqua, si svela la verità che è bene che gli italiani conoscano e prima di tutto i giornalisti che di disabilità conoscono solo fatti legati alla cronaca nera.
 
E' proprio il ministro Sacconi  con la sua gaffe a fornire i dati reali della caccia al falso invalido  affermando: All'interno del piano di verifiche straordinarie a livello nazionale nel 2009 è stato revocato l'11,69% delle prestazioni, ovvero c'e' stato il riscontro di 21282 non conformità su 200.000 controlli. Nel 2010 la percentuale di non conformità su 100.000 controlli è stata del 10,2% con 9801 revoche totali. Così dal 2009 al 2010 le non conformità, che non equivale a falsa invalidità, sono addirittura diminuite in barba all'esercito  messo in campo dal governo e alle migliaia di lettere raccomandate minatorie inviate alle persone veramente disabili? Il bottino è davvero magro e la vergogna da parte del governo è enorme. Ora noi chiediamo di sapere quanto è stato speso, quanta è costata questa campagna vergognosa al nostro  Paese. Quanto è costata alla collettività questa crociata per cui il ministro Sacconi e Reguzzoni si ergono a moralizzatori? Ma possiamo essere noi disabili prima di tutto e i cittadini italiani essere presi in giro in questo modo? Si ergono a moralizzatori e salvatori della patria per un sì magro bottino costato più di quanto hanno ricavato?
Onorevole Schirru ti chiediamo di presentare una interrogazione per conoscere nel dettaglio i costi dell'operazione e di renderla nota tramite stampa agli italiani.
In attesa di ricevere tue notizie ti saluto cordialmente
Michele Lastilla
coordinatore MRD
 
 
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. > Fine >>

Pagina 11 di 37