Home

Risorse

Chi è online

 94 visitatori online
Amnesty International 
IO PRETENDO DIGNITÀ
Benvenuto nel sito Movimento Rinnovamento Democratico
Prepensionamento, altra occasione mancata? Stampa l'articolo
Scritto da Administrator   
Martedì 01 Giugno 2010 09:18
Prepensionamento per i familiari, "legge vecchia, ingiusta e inefficace"

L'analisi di Chiara Saraceno: non si favorisce la conciliazione fra cura e lavoro, si scarica sulle famiglie l'onere di cura, si introduce una disparità di trattamento fra settore pubblico e privato. "Dilettanti allo sbaraglio sulla non autosufficienza"

ROMA. "Vecchia, ingiusta e inefficace": la proposta di legge sul prepensionamento dei familiari di disabili gravi approvata all'unanimità dalla Camera nei giorni scorsi e attesa ora al Senato per l'approvazione definitiva - scarica sulle famiglie l'onere del lavoro di cura e non riesce ad affrontare come dovrebbe il tema della conciliazione fra la cura dei familiari e il lavoro remunerato. Così Chiara Saraceno, già professore ordinario di sociologia della famiglia all'università di Torino e ora professore di ricerca a Berlino, boccia senza mezzi termini la soluzione legislativa scelta per venire incontro alle esigenze di quelle famiglie nelle quali si trovi una persona con disabilità grave e gravissima. 
Leggi tutto...
 
Considerazioni collettive Stampa l'articolo
Scritto da Michele Lastilla   
Giovedì 27 Maggio 2010 20:50
Salve,
i più attenti di noi già da tempo avevano sentito odore di bruciato nell'area della disabilità. Noi di Rinnovamento Democratico più volte abbiamo esortato a prepararsi a scendere in campo in prima persona con le loro famiglie a tutela dei loro diritti ormai calpestati e negati e a non affidarsi completamente e soltanto alle associazioni.
Ora proviamo a ragionare collettivamente. Credo che tutti ci siamo resi conto che non si tratta più di chiacchiere e che è caduto il mito della intoccabilità di noi disabili.

Patologie esenti da visite ulteriori di controllo. Ve lo ricordate?

Mentre si tenta di garantire attuazione (dopo oltre due anni) a ciò che è stato disposto dal Legislatore per evitare visite di accertamento superflue, proseguono le attività di verifica e controllo sulle effettive posizioni degli invalidi civili. I controlli, già previsti e condotti da anni, sono stati recentemente inaspriti dal Decreto Legge 112/2008.

L'INPS, con l'intento di garantire uniformità applicativa sul territorio nazionale, ha diramato il 21 luglio 2008 la Circolare 77 che fornisce indicazioni operative a tutte le Sedi INPS. Gli elenchi dei nominativi degli invalidi da verificare saranno estratti a campione dalla Commissione Medica Superiore (Roma) e gli elenchi saranno trasmessi alle Commissioni provinciali di verifica.
Leggi tutto...
 
Disabili. Presentato il conto Stampa l'articolo
Scritto da Administrator   
Giovedì 27 Maggio 2010 20:27
Salve, abbiamo sentito dire da Tremonti e Berlusconi che non sono state messe le mani in tasca. Le mani nelle tasche dei disabili e delle loro famiglie sono state messe fino a sfondarle.
Noi di Rinnovamento Democratico da tempo scriviamo lanciando appelli alla partecipazione diretta dei disabili e delle loro famiglie a tutela dei loro diritti. Qualcuno ci ha deriso, altri ci hanno accusato di catastrofismo, altri di fare mera propaganda al nostro Movimento che è sorto proprio per la voglia di partecipare, per divenire protagonisti attivi nella lotta per la vita indipendente, per una nuova politica del welfaree, in particolare sulla disabilità.
Ora crediamo di poter dire che nessuno che sia dotato di intelligenza media, può negare che siamo alla presentazione del conto a noi e alle nostre famiglie.
Avevamo scritto ieri che la disabilità, probabilmente, è il primo vero banco di prova generale del federalismo alla Bossi-Tremonti. Un federalismo barbarico che divide l'Italia, i pensionati titolari di pensioni sociali e i disabili.
I disabili, sì. Nei loro confronti il governo ha scelto la strada della discriminazione fra le persone stesse con disabilità. Fra chi è già titolare di provvidenze economiche e chi lo sarà dal 2011.
Si tratta di una strada opposta a quella indicata dalla convenzione dell'ONU sui diritti delle persone con disabilità, divenuta legge dello Stato. Si tratta della pratica di una becera politica assistenzialista e di una antiquata politica sociale. Quella che nei primi anni del Novecento metteva i braccianti l'uno contro l'altro quando al tramonto del sole andavano a offrirsi agli agrari nelle piazze dei paesi del Sud e gli agrari ingaggiavano quelli che offrivano a più basso costo il lavoro delle loro braccia.
Siamo a questo.
Noi di Rinnovamento Democratico abbiamo esortato ad alzarsi e scendere in campo in prima persona.
Per questo abbiamo anche spesso concluso le nostre considerazioni con il famoso detto rivolto ai contadini più passivi e fatalisti: si vuliti faciti si no vi futtiti

Riportiamo una nota della Fish che il Movimento Rinnovamento Democratico condivide in ogni sua sillaba.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Succ. > Fine >>

Pagina 30 di 37