Home Per saperne di più A proposito dell'indifferenza che sta travolgendoci
Amnesty International 
IO PRETENDO DIGNITÀ
A proposito dell'indifferenza che sta travolgendoci Stampa l'articolo
Scritto da Michele Lastilla   
Domenica 03 Gennaio 2010 01:00
Cari amici,
questa tristissima e angosciante storia raccontataci da un giovane viaggiatore, è un altro pugno nello stomaco che chi ha sensibilità riceve alla vigilia del nuovo anno, come già alla vigilia di Natale siamo stati intristiti dalla storia di quel povero uomo lasciato morire di stenti al freddo fra la indifferenza generale e anzi fra l'odio diffuso a piene mani dal Partito di Governo: la Lega.

Questa storia però, giunge a proposito proprio nel bel mezzo del dibattito che ho provocato con i miei inviti ad alzarci in piedi noi disabili.
Giunge a proposito perchè sto insistendo sulla necessità di interessarci di più a noi stessi, di partecipare più direttamente nella lotta e nella resistenza per tutelare e promuovere i nostri diritti.
Forse mi sono tirato dietro anche qualche sbadiglio annoiato e qualche espressione del tipo: ma quanto rompe, ma che cazzo vuole, ma che ci lasci vivere, se vogliamo o non vogliamo cazzeggiare sono affari nostri.... eccetera...

Perchè penso questo? Molto semplicemente perchè avete notato la reazione che è stata sfoderata da alcuni in altre liste. Hanno sentito fastidio degli auguri con l'appello a scegliere o non scegliere, molto liberamente, di stare con noi o meno, di unirsi a noi o meno. Badate bene, di unirsi a noi ma mica per noi. Per loro stessi.

Penso questo perchè noto una galoppante indifferenza e menefreghismo anche fra gli stessi disabili.

Nessuno ha manifestato sgomento, o meglio pochissimi, alla sciagurata circolare di Daniele e alle mie proteste.

Tutti hanno continuato a marciare festivi e giulivi sulle strade delle feste fra luminarie, negozi, profumi di panettoni. Ma tutti con l'indifferenza al seguito, tutti vestiti a festa con gli abiti della indifferenza.