Home Rassegna stampa "Un amico asino" per piccoli disabili
Amnesty International 
IO PRETENDO DIGNITÀ
"Un amico asino" per piccoli disabili Stampa l'articolo
Scritto da Administrator   
Martedì 12 Gennaio 2010 14:54
VETRALLA. Un progetto della scuola primaria, in collaborazione con l'azienda agricola biodinamica "Mauro Job" per avvicinare i bambini alla natura. "Grazie al finanziamento ricevuto dall'Ufficio scolastico provinciale, per il secondo anno consecutivo - spiega Valentina Paolelli, funzione strumentale per l'integrazione scolastica - il nostro circolo didattico offre la possibilità agli alunni disabili di partecipare al progetto Un amico asino con una serie di incontri, che si svolgeranno in orario scolastico, presso l'azienda agricola biodinamica Mauro Job, sita in Vetralla, in località Piombino". 
L'azienda, di piccole dimensioni, è caratterizzata da suggestivi angoli con ruscello, grotte naturali, boschetti una vasca per la fitodepurazione, di un'isola verde per la raccolta differenziata, di un apiario didattico e di un orto didattico.
Le insegnanti di sostegno saranno coinvolte nell’elaborazione e realizzazione di un percorso calibrato sugli alunni seguiti, in collaborazione con le insegnanti di classe e con gli operatori della fattoria.
"Nel corso delle mattinate - prosegue l'insegnante Paolelli - i bambini diversamente abili raggiungeranno la fattoria con il servizio scuolabus, accompagnati dalle rispettive insegnanti di sostegno, nell'orario e nei giorni stabiliti in accordo con gli operatori della fattoria e avranno modo di svolgere varie attività con l'asinello; percorsi, cura dell' animale, scoperta delle sue abitudini alimentari e dei luoghi dove vive.
L'attività con l'asino aiuterà i bambini a recuperare una comunicazione autentica, semplice, profonda, basata sulla corporeità, sulla spontaneità e sul gioco, per stare in sieme in un ambiente sereno, divertente, affettivo dove la presenza dell'asino crea costantemente situazioni buffe, nuove e stimolanti.
Nelle relazione bambino-asino - prosegue Valentina Paolelli - si instaura un importante canale di contatto corporeo, attraverso il quale si acquisisce controllo e fiducia di sé, si favorisce un arricchimento sensoriale ed emotivo, si stimola una riorganizzazione delle strutture psichiche in un clima relazionale che permette di lasciarsi andare".
La presentazione del progetto si terrà giovedì 14, alle 16,30 presso l'aula magna "Porfirio Fantozzini" della direzione didattica di Vetralla.

Diana Ghaleb
(Corriere di Viterbo del 08-01-2010)